Perché la letteratura non basta? Il caso Ferrante

di

Quasi non si parla de L’amore molesto finché Mario Martone non ne fa un film. Lo stesso accade per I giorni dell’abbandono e la pellicola di Roberto Faenza. Infine, nonostante il boom editoriale… Continua a leggere

Storie di amicizie: le radici e i fantasmi

di

C’è un amico che ha segnato la nostra infanzia o la nostra prima giovinezza. C’è sempre un amico che è stato la nostra infanzia o la nostra giovinezza. Qualche volta resta per tutta… Continua a leggere

«E le altre sere verrai?», il tempo è imprevedibile a Cape Cod

di

«Certo che verrò le altre sere. Verrò da te, verrò per te. Non dovrai aspettarmi a lungo». Non c’è risposta più desiderabile di questa, per qualcuno che si incrina tanto – nella voce… Continua a leggere

Chi era Joseph Pulitzer?

di

Alla sua morte, nel 1911, Joseph Pulitzer trasferì tutti i suoi averi alla Columbia University. Parte del suo lascito fu utilizzato per istituire nel 1912 una Scuola di giornalismo (oggi la più prestigiosa… Continua a leggere

Babilonia

di

Yasmina Reza considerata la più grande autrice teatrale, romanziera e sceneggiatrice francese tradotta in tutto il mondo, nata a Parigi nel 1959 da un ingegnere iraniano e una violinista ungherese, entrambi di origine… Continua a leggere

I Fiordi del Giorno: Napoli m’ama o non m’ama

di

Nel 2017, in un’epoca in cui il mondo editoriale ha regole ben precise e stabilite, rischiose da infrangere, ci vuole davvero coraggio a esordire con una raccolta di racconti invece che con la… Continua a leggere

Quando Dio ride. Jack London e il mondo come confronto

di

Quelli erano tempi! Ed ora egli, pensando, durante il lento cammino, constatava che, da quando era vecchio, era stato messo in disparte. Lui era la Giovinezza in ascesa, e loro erano l’Età che… Continua a leggere

La quinta generazione di reti mobili: il 5G

di

È da molto tempo che si può notare quanto esponenzialmente sia cresciuto il numero di dispositivi connessi alla rete. Se inizialmente a ogni persona corrispondeva un solo dispositivo, al giorno d’oggi, osservando le… Continua a leggere

Lettere dalla Kirghisia: il sogno di una società a misura d’uomo

di

Esiste un Paese dove si lavora tre ore al giorno, dove a 18 anni ogni cittadino riceve una casa, dove i bambini apprendono giocando all’aria aperta e dove nessuno si ammala più, e… Continua a leggere

Tutto quello che mi succede è colpa mia. Brevi frammenti umoristici

di

“Tutto quello che mi succede è colpa mia” (Echos, 2017) è un’agevole raccolta di racconti, una piacevole lettura che non manca di far affiorare sulle labbra un sorriso di complicità. Il libro raccoglie semplici… Continua a leggere

Il seducente gioco della scrittura di Auster in “Trilogia di New York”

di

Tre racconti – Città di vetro, Fantasmi, La stanza chiusa – uniti da un filo invisibile, non da una storia, né da un personaggio, ma da una sensazione. È il sentimento del vuoto,… Continua a leggere