Gli USA salutano la Net Neutrality

v4jpdy9Da dicembre 2017 negli Stati Uniti è sparita, fra le proteste di molti, la Net Neutrality, la neutralità della rete. Fra gli artefici delle proteste, oltre a centinaia di migliaia di utenti del web, anche i big della rete. Ma in cosa consiste la Net Neutrality e perché è un argomento di discussione così importante?

Al giorno d’oggi, in Europa(e fino a poche settimane fa, anche negli USA) vige questo principio, secondo il quale, detto in maniera molto sbrigativa, i dati di tutti hanno uguale dignità: puoi guardare un filmato da YouTube, fare una ricerca su Google oppure shopping su Amazon e la tua richiesta di un servizio Internet verrà servita dal tuo Internet Service Provider(ISP) indipendentemente da quanto tu stia pagando per accedere a Internet.

Senza la Net Neutrality, una big company, pagando una bella cifra, potrebbe avere una sorta di corsia veloce, per cui il traffico da e per quell’azienda verrebbe fortemente avvantaggiato rispetto al traffico di chi, invece, si rivolge a un’altra azienda. Gli svantaggi, sotto i punti di vista della concorrenza, sono più che evidenti: una neonata piccola azienda, con un piccolo budget e una grandissima idea, avrebbe ancora più difficoltà a sfondare se si trova di fronte a colossi i cui bilanci farebbero invidia a intere nazioni; un utente preferirebbe, molto probabilmente, guardare un film in streaming a velocità piena tramite un colosso piuttosto che fermarsi ogni due secondi a causa del buffering del filmato. Perché le big company sono allora contrarie a una norma che, tutto sommato, le avvantaggerebbe? Perché si tratta di pagare. Sebbene i loro introiti gli permettano di non diventare troppo povere con una tassa per accedere a una “fast lane”, una corsia veloce, dovrebbero comunque spendere di più per avere qualcosa che, di per sé, già posseggono: il monopolio.

Si provi infatti a pensare a quanti tentativi credibili son stati fatti per scalzarek1zdfedqGoogle dalla sua posizione dominante, oppure a quanti siti di e-commerce esistano che non riescono comunque a battere Amazon. La difesa della Net Neutrality da parte dei grandi di Internet, in realtà, è stata mostrata in chiave ideologica. Ad esempio, Netflix, Facebook e AirBnb si son mostrate in favore di questo principio, che ha favorito un’era senza precedenti di “innovazione, creatività e coinvolgimento civico”. Chi sarà realmente avvantaggiato da una norma del genere? Senz’altro chi gestisce le infrastrutture di telecomunicazioni americane, come, ad esempio AT&T e Verizon. E riguardo quest’ultima, il presidente della FCC, Ajit Pai è stato “Associate General Counsel” dal 2001 al 2003. Come direbbe qualcuno, a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca.

Fabio Romano